Comunità Montana della Prealpi Trevigiane
news di sabato 17 aprile 2004
TORNANO A SPLENDERE LE FONTI DELLA ROSADA
Torna al suo antico splendore, grazie a un intervento di recupero reso possibile dalla collaborazione tra diverse istituzioni, La Rosada, l'antico sito nei pressi del centro abitato di Rolle caratterizzato dalla presenza di un abbeveratoio e di un lavatoio.
L'inaugurazione dei lavori è avvenuta domenica 4 aprile, presenti il sindaco di Cison, Gildo Salton, il presidente di Fondazione Cassamarca, Dino De Poli, il vicepresidente della Regione, Fabio Gava, il presidente della Comunità montana, Giampiero Possamai.
Collocato lungo la strada provinciale n. 152 dei colli settentrionali (quella che dal centro di Rolle conduce ad Arfanta), il Logo della Rosada deve il suo nome alla presenza del torrente che da Val de Mole scende verso il Molinetto della Croda: in un anfiteatro naturale, laddove si forma una piccola cascata, si alimentano ormai da secoli le fontane dell'antico abbeveratoio in pietrame e pietra rossa della Secca. «L'importante opera, con una spesa complessiva di 125mila euro spiega la vice sindaco e assessore ai lavori pubblici, Cristina Pin è stata realizzata tra il 2002 e il 2004 con il concorso di varie enti: comune di Cison, Fondazione Cassamarca, Comunità Montana e Gal 3».

Fonte: Il Gazzettino (Marco Zabotti)

 

© 2002 by Stranoweb