» iscriviti alla newsletter
Istituzione
Consiglio e Consiglieri
Giunta e Assessori
Statuto
Regolamenti
Orari
Pubblicazioni
Come raggiungerci
Introduzione
Ambiente
Cenni Storici
Arte e Cultura
Economia
Alberghi
Agriturismi
Bed & Breakfast
 » Newsletter
 » Contatti
 home page » sentieri » comune di Cordignano » descrizione sentiero
1060/A Sentiero del Patriarca
L'itinerario, o meglio gli itinerari dato che si decrivono i sentieri 1060 e 1060A, segue la via che partendo da Sarone (Caneva) raggiungeva il Cansiglio e l'Alpago. La parte che attraversa Cordignago prende origine fuori dall'abitato di Villa di Villa, all'altezza della strada del Faidel e consente di vedere i ruderi del Castello di Cordignano, detto Castelat. Lasciando a sinistra il Col Castelir s'arriva in loc. La Mar e si attraversa la strada asfaltata per giungere al "Pojat", spiazzo dove è stato ricostruito un ambiente tipico del tempo dei carbonai. Si va a Col Alt e poi si scende lungo Lama Lunga fino a Pian Posocco. Dopo 400 m da M.ga Salamina si svolta a destra e si passa C. Bianca; immettendosi sulla provinciale del Cansiglio si giunge ai ruderi del Castello di Cordignano

Paesaggio Naturale: Il sentiero permette di spaziare con la vista sul Coll'Alt fino a Trieste e Grado e sulle Alpi Carniche. Il paesaggio è caratterizzato da ampie zone coltivate e da un aumento delle superfici boscate. Presenza di carpino nero, roverella e orniello. Il legno della roverella veniva utilizzato per la costruzione delle traversine ferroviarie e di travature. La lavorazione nell'industria del mobile è resa difficoltosa dalle fibre troppo contorte e nodose

Approfondimenti: Il percorso segue l'antica via detta "strada del Patriarca", così chiamata in onore del patriarca di Aquileia Raimondo Della Torre che la fece costruire. La via ha costituito fino al 1500 un asse per la viabilità commerciale pedemontana. Il Castello di Cordignano fu eretto durante la dominazione longobarda e fu devastato da un incendio nelle scorrerie turche. Il toponimo castelir deriva da castelliere, che sta ad indicare una fortificazione preistorica costruita a scopo di difesa. Furono rinvenuti frammenti di vasellame in terracotta e ceramica.

Tappe del percorso: 1060 Castello di Cordignano q. 154 - Villa di Villa - Coll'Alt - La Mare q. 879.
1060a Lama del Zei q. 346 - Castelir q. 353

 DATI TECNICI
tipologia: Percorso ideale per passeggiate a piedi
lunghezza: 20 Km
dislivello: 700 m.
tempo medio di percorrenza: 1060 7 ore - 1060A 0,5 ore
difficoltà: Media

periodo: Tutto l'anno
abbigliamento: Tenuta comoda e sportiva, scarpe da trekking
La Comunità Montana delle Prealpi Trevigiane ha realizzato la "Guida alle Escursioni"... clicca qui
 
necessita plug-in flash5
naviga alla scoperta del nostro territorio (risoluzione video consigliata maggiore o uguale a 1024x768 px)
Delibere
Gare e Appalti
Bandi Pubblici e Concorsi
Contributi
ZPS IT3240024 Piano di Gestione
Operazione Trasparenza
Altro
Musei, specialità...scopri con un click tutto quello che i nostri comuni hanno da offrire
Aree Attrezzate
Sentieri
Itinerari turistici
Il Cansiglio
Archivio News
Numeri Utili
Collaborazioni
Links Utili
Comunità Montana delle Prealpi Trevigiane - Codice Fiscale: 84001520265 | © 2002 - 2014 by StranoWeb.com